La storia
15897
page-template-default,page,page-id-15897,theme-bridge,bridge-core-2.4.5,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-23.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.3.0,vc_responsive
 

Storia dell’idromele

Anticamente l’idromele veniva prodotto ovunque fossero conosciute le tecniche di fermentazione e venisse raccolto il nettare delle laboriose api.

Più comunemente l’ idromele è la bevanda dei Celti, popolo che viveva in Europa prima dell’ arrivo dei Romani, dall’ attuale Lombardia fino all’ Irlanda passando per la Francia. Tra questi, il popolo dei Galli Asterix e Obelix. Nel Medioevo era uso donare alle coppie di novelli sposi una quantità di idromele sufficiente per una luna (un mese), questo avrebbe favorito la fertilità e la procreazione, in particolar modo per la nascita di un erede maschio.
Il termine “luna di miele” sembrerebbe derivare proprio da questo rituale. Diversi sono poi i metodi di produzione sviluppatisi nei secoli: alcuni prevedono la preparazione di un vino di miele, altri di un distillato, altri di un vino di miele speziato, altri ancora di un vino d’ uva mielato, oppure, come in questo caso, di un liquore al miele.